Davanti a un drink con... Margot Lecarpentier

margot-combat-lecarpentier-cocktail-barista

Per la Giornata internazionale dei diritti della donna, JNPR ha deciso di mettere in evidenza una donna che si è affermata sulla scena dei cocktail francesi: Margot Lecarpentier. Questa giovane Norman ha scambiato il codice del lavoro con lo shaker nel 2014, dopo aver scoperto la mixology a New York, dove ha lavorato come avvocato . Oggi non ha più niente da dimostrare ed è a capo di tre stabilimenti tra cui il cocktail bar “ Combat ” situato a Belleville e il “Petit Combat” situato nel 14° arrondissement di Parigi presso la Food Society .

Perché ti sei avvicinato alla mixology?

Ero un avvocato a New York ed era difficile per me stare tutto il giorno davanti a un computer in un grattacielo di 35 piani. Non vedevo più troppo senso in quello che facevo, avevo bisogno di questo ritorno al concreto. Sono uno che fa molto festa ma ero un po' stufo di bere “male”. Quando sono arrivato negli Stati Uniti ho notato che avevano una cultura della mixology molto più sviluppata che nel nostro paese e mi sono appassionato a questo campo. Da molto tempo desideravo creare la mia azienda, essere il capo di me stesso e intraprendere questa passione per farne il mio lavoro.

Perché il nome "combattimento" per il tuo bar?

Quindi ci sono sempre due spiegazioni: abbiamo aperto Google Maps, abbiamo guardato l'indirizzo del bar ed è lì che praticamente abbiamo visto che era segnato "combattimento", che è il nome del quartiere Bella città. Poi, c'è una seconda spiegazione: quando abbiamo aperto, era un'altra volta... non era affatto come oggi essere femminista. Era piuttosto disapprovato. Così l'abbiamo chiamato “combattimento” per il quartiere e, soprattutto, era un omaggio al femminismo.

La scena del bar è spesso percepita come prevalentemente maschile... come ti senti a riguardo? 

È ancora prevalentemente maschile, non c'è dubbio. D'altra parte, ultimamente il vapore si è un po' invertito e anche se ci sono ancora parecchie donne, stanno mostrando più sorellanza e solidarietà femminile. Penso che il posto delle donne nel mondo della mixology sia molto più consolidato oggi, e molto più rispettato, e questo è molto incoraggiante!

Da dove prendi le tue ispirazioni per i cocktail?

Principalmente nel cibo. Mangio e cucino molto e sono anche molto ispirato dagli chef. Traggo ispirazione anche dai miei viaggi come Copenhagen, dove amo il cibo. Idem per il Giappone, la prima volta che ci sono andata sono tornata con un menu completo! Penso che a volte siamo un po' formati nei gusti e nelle associazioni dalla nostra cultura e dalle tradizioni del nostro paese. Scopriamo viaggiando associazioni nuove e sorprendenti!

Un mocktail è un cocktail per te?

Sì, naturalmente! Abbiamo lavorato su tutti i cocktail analcolici sin dall'apertura e questo è ciò che mi ha fatto conoscere un po' me stesso, nel senso che all'epoca era piuttosto innovativo. Penso anche che tutti siano un po' stanchi delle bevande analcoliche senz'anima che vengono ancora troppo spesso offerte come bibite. Per me, la cultura analcolica sarà davvero democratizzata nella mixology.

Infine, che consiglio daresti alle donne che vogliono diventare bartender?

Prima di tutto, non devi essere aggressivo come lo sono stato io per un bel po' di anni in relazione a situazioni ingiuste o sessiste che pensavo di vivere. Sono cambiato, sono sicuramente maturato da allora. Ora cerco di passare attraverso più pedagogia. Direi anche di approfittare dei momenti formativi perché sono momenti molto importanti per acquisire fiducia in se stessi. Gradualmente forgerà il tuo stile. Poi è molto importante scegliere il bar in cui lavorerai e fare in modo che ci sia un clima di benevolenza e ascolto. La scena del bar a volte può essere un po' brutale, dove lavori fino a tarda notte e non puoi imparare ed essere un bravo barista se non ti senti al sicuro. Infine, il mio ultimo consiglio è circondarsi di altre donne, creare comunità di sostegno perché non è sempre facile. Circondarsi di un team femminile e trovare altre donne con cui lavorare, cercare sistemazioni femminili... Penso che questo aiuti molto e ti incoraggi ad acquisire fiducia in te stesso.

Crediti fotografici: Christophe Meireis

Mon Panier
VOTRE PANIER EST VIDE
Continuer

OPTION MOINS DE CARTON : participez à une démarche éco-responsable !

I vostri pacchi verranno spediti con le scatole in cui abbiamo ricevuto la nostra produzione. Le singole bottiglie saranno confezionate in cartone ondulato e carta kraft. Le scatole da 3 bottiglie verranno inviate senza scatola.

Complétez votre commande
4 bottiglie di tonica - Hysope photo
4 bottiglie di tonica - Hysope
9,90€
✓ Aggiunto!
Sciroppo di fiori di sambuco - Bacanha photo
Sciroppo di fiori di sambuco - Bacanha
12,50€
✓ Aggiunto!
4 bottiglie di tonica - Fever Tree photo
4 bottiglie di tonica - Fever Tree
5,99€
✓ Aggiunto!
Bicchiere dosatore (jigger) photo
Bicchiere dosatore (jigger)
9,90€
✓ Aggiunto!
4 toniche senza zucchero - Les Softs à Papa photo
4 toniche senza zucchero - Les Softs à Papa
5,99€
✓ Aggiunto!
Commander - 0,00€